///La nuova API Key di Google Maps: cos’è e come ottenerla

La nuova API Key di Google Maps: cos’è e come ottenerla

errore missingkeymaperror api key google maps

La schermata di errore missingkeymaperror delle api di Google Maps

Le regole del web cambiano costantemente e bisogna restare al passo. Una delle piccole, ma importanti, novità che é stata recentemente introdotta sul web ha portato grande scompiglio in tutti i webmaster di siti in cui é incorporata una mappa live. Da qualche settimana infatti tutti coloro che hanno cercato di incorporare una mappa di Google in un nuovo sito si sono trovati ad affrontare un errore mai visto prima.

E’ infatti cambiato il modo di incorporare (embeddare) le mappe di Google e chi non utilizza la nuova procedura si imbatte in un errore. L’errore che  compare nella console del browser – MissingKeyMapError – è dovuto ad una nuova modifica resa operativa da Google per meglio gestire l’utilizzo delle APIs di Google Maps.

Le Api di Google Maps

Per chi non fosse avvezzo a questo termino, con API (Application Programming Interface) si indicano le interfacce di programmazione che vengono rese di sponibili da produttori di software (in questo caso Google) e che gli sviluppatori possono utilizzare per espandere le funzionalità di programmi, applicazioni e piattaforme di vario genere.

Google mette da sempre a disposizione gratuitamente le API di Google Maps a tutti coloro che le vogliono utilizzare per i propri programmi e piattaforme web (ad esempio per realizzare mappe personalizzate, per implementare servizi di ricerca georeferenziati, per integrare le mappe all’interno di applicazioni mobile etc.).

Le novità per le API di Google Maps

A partire dal 22 giugno 2016 le regole per l’utilizzo di queste APIs sono cambiate e si è resa necessaria una chiave di autenticazione per continuare a visualizzare correttamente le Mappe di Google. A questa pagina è possibile trovare il comunicato ufficiale, postato direttamente da Ken Hoetmer, Product Manager di Google Maps APIs: https://googlegeodevelopers.blogspot.it/2016/06/building-for-scale-updates-to-google.html.

nuova chiave api key google maps

Dal momento che l’effetto di queste nuove regole non è retroattivo, nei domini attivati prima di questa data le Mappe incluse alla vecchia maniera continueranno a funzionare senza errori di visualizzazione (l’errore MissingKeyMapError in questo caso, se comparisse, potrebbe essere dovuto ad un bug), mentre per i nuovi domini è necessario attuare la modifica richiesta.

In quest’ultimo caso è possibile ottenere la chiave direttamente dal sito di Google Maps APIs all’indirizzo https://developers.google.com/maps/documentation/javascript/get-api-key, seguendo le semplici istruzioni riportate. Se invece non si è programmatori o si ha poca dimestichezza con queste procedure, basterà segnalare il problema agli sviluppatori della piattaforma oppure del plugin/tema che si sta utilizzando affinché provvedano ad apportare nel codice le modifiche richieste per inserire la nuova API Key.

credenziali api key google maps

Da notare poi che con la chiave gratuita di Google Maps APIs viene imposto un limite di 25000 visualizzazioni di mappa al giorno per progetto, un limite che tuttavia non dovrebbe creare troppe difficoltà. In ogni caso, se il proprio sito dovesse avere un traffico superiore, si può passare all’acquisto di una licenza Premium per implementare il numero di visualizzazioni giornaliere.

Il consiglio è comunque quello di non aspettare che le proprie Mappe diano errore, ma di procedere il prima possibile con l’inserimento nel sito internet della nuova API Key in modo tale da essere sempre aggiornati con le nuove regole del web ed evitare futuri problemi di incompatibilità.

Salva

Salva

Salva

2017-09-29T16:24:09+00:00ottobre 4th, 2016|Tags: , , , |

Per qualunque richiesta commerciale puoi contattarci via e-mail compilando il modulo che segue o via telefono allo 011.5806034

Il tuo nome

La tua email

Dettagli richiesta

Autorizzo il trattamento dei miei dati personali ai sensi del Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”.

1 0 0 0